Il dizionario -
degli studenti

movimento [mo-vi-mén-to] nome masch. (plur. movimenti) [etimologia: derivato di muovere]. [1] L’azione di muoversi o di muovere una parte del corpo:  è un ragazzo lento nei movimenti; movimento sexy [Samarcanda][2] L’attività fisica:  fare movimento aiuta a stare bene. [3] L’affollamento, il viavai, il traffico:  il sabato in centro c’è un gran movimento. [4] Lo spostamento da un luogo a un altro:  è vietato aprire le porte quando il treno è in movimento. || guerra di movimento: quella in cui gli eserciti si spostano molto velocemente; si contrappone alla guerra di posizione, in cui i soldati rimangono a lungo nelle stesse postazioni. [5] Un gruppo organizzato o spontaneo che ha idee, obiettivi o programmi comuni, in arte, letteratura, politica ecc.:  il movimento animalista lotta per i diritti degli animali; Picasso è uno dei più importanti pittori del movimento cubista; il Movimento 5 Stelle ha vinto le ultime elezioni. [6] In storia, azione o protesta spesso violenta da parte del popolo per ottenere dei cambiamenti:  durante la seconda guerra mondiale, i partigiani organizzarono il movimento di liberazione dell’Italia dal nazifascismo. [7] In musica, una delle parti di un brano eseguita senza interruzioni:  non applaudire alla fine di un movimento: è meglio aspettare la conclusione dell’intero brano.