Il dizionario -
degli studenti

piramide [pi-rà-mi-de] nome femm. (plur. piramidi) [etimologia: dal latino pyramide(m), a sua volta derivato dal greco pyramís, che sarebbe da collegare alla parola pyr «fuoco», probabilmente perché la forma della piramide ricordava quella della fiamma, larga alla base e terminante a punta]. [1] In geometria, figura geometrica solida con base costituita da un poligono, di solito un quadrato, ma non necessariamente (esistono infatti piramidi triangolari, pentagonali ecc.) e le facce laterali costituite da triangoli con vertice in comune. La distanza del vertice dalla base è detta altezza. || Per estensione, qualsiasi oggetto che abbia forma di piramide. [2] In archeologia, tomba monumentale tipica dell’antico Egitto, destinata a conservare il corpo del Faraone; è appunto a forma di piramide con base quadrata, costituita da grandi blocchi di pietra:  le più celebri piramidi dell’antico Egitto sono quelle di Cheope, Chefren e Micerino. || Nell’America centro-meridionale, imponente monumento sacro tipico delle civiltà precolombiane, che non era usato come tomba ma come tempio; aveva la forma di una piramide e una struttura a gradinata culminante in una terrazza su cui sorgeva il tempio. [3] In senso figurato, struttura in cui una o poche persone al vertice comandano, altre in posizione intermedia distribuiscono i compiti e altre ancora (più numerose), alla base, eseguono gli ordini, come nella figura geometrica:  quest’organizzazione (ufficio, azienda, industria, società) è dotata di una struttura a piramide; || piramide delle età:  in statistica, rappresentazione grafica della popolazione in relazione all’età riferita a un preciso territorio e a un preciso periodo di tempo. [4] Nello sport, piramide umana, esercizio ginnico in cui gli atleti si pongono uno sulle spalle dell’altro e si dispongono in modo da formare una piramide.