Il dizionario -
degli studenti

genere [gène-re] nome masch. (plur. generi) [etimologia: dal latino genus]. [1] Gruppo di cose, di persone oppure di opere letterarie, musicali o artistiche che hanno caratteristiche simili tra loro:  gli abiti di lusso si producono con generi di stoffe molto pregiate;  il trap è un genere di musica che apprezzo moltissimo;  non mi piace questo genere di cose. || generi di prima necessità: beni che sono necessari per sopravvivere [2] Categoria grammaticale che serve a distinguere nelle lingue il maschile, il femminile e, quando c’è, anche il neutro; si manifesta attraverso l’uso delle varie desinenze e attraverso i meccanismi dell’accordo grammaticale:  i nomi sono di genere maschile o femminile;  nella maggior parte dei casi il genere è indicato dalla desinenza che, di solito, per il femminile è -a, e per il maschile è -o;  l’aggettivo si accorda nel genere e nel numero con il nome a cui si riferisce. [3] Nelle scienze naturali, nell’ambito della classificazione degli esseri viventi (tassonomia) il genere raggruppa le specie che hanno caratteristiche simili tra loro:  la specie libellula imperatore (Anax imperator) appartiene, come la specie imperatore minore (Anax parthenope), al genere Anax;  la professoressa di scienze ci ha spiegato che in zoologia, biologia e botanica il genere è la categoria superiore alla specie e inferiore alla famiglia. [4] Parola che serve a indicare l’appartenenza a un sesso dal punto di vista culturale e psicologico:  l’identità di genere è il sentirsi in maniera intima, profonda e soggettiva o uomo o donna. || violenza di genere: qualsiasi tipo di violenza esercitata non solo contro la donna, ma anche contro qualsiasi persona o gruppo di persone a causa dell’orientamento sessuale. || stereotipo di genere: rinvio a stereotipo.