Il dizionario -
degli studenti

geometria [ge-o-me-trì-a] nome femm. (plur. geometrie) [etimologia: dal latino geometria(m), che a  sua volta proviene dal greco geometrìa, composto di «terra» e metrìa «misurazione», cioè letteralmente «misurazione della terra», perché la geometria ebbe origine nell’antico Egitto con lo scopo di misurare i terreni e tracciare i confini tra essi]. [1] Scienza, disciplina che si occupa di stabilire la posizione delle figure nello spazio e di misurarne la grandezza:  oggi in geometria ho imparato a calcolare l’area del triangolo. Lo studio della geometria consiste in due parti principali: la || geometria piana, quella che studia le figure i cui punti sono tutti situati su uno stesso piano, e la || geometria solida, quella che studia le figure solide, ossia costituite da punti che non giacciono tutti sullo stesso piano:  a scuola studiamo la geometria piana e quella solida e impariamo a calcolare l’area della superficie delle figure piane e il volume dei solidi. [2] Nel linguaggio comune, la struttura lineare, precisa e rigorosa di qualcosa:  la geometria della Divina Commedia è molto precisa;  i campi divisi ed arati secondo perfette geometrie (Mario Soldati).