Il dizionario -
degli studenti

stato nome maschile (plur. stati) [etimologia: deriva dal latino status «condizione, posizione, stabilità»]. [1] Territorio delimitato da confini al cui interno la popolazione deve seguire le stesse leggi, ha lo stesso sistema di tassazione, lo stesso governo, la stessa moneta e ha un’unica costituzione; di solito è dotato di un esercito e ha una bandiera. Qualdo la parola ha questo significato, per evitare confusioni con altri significati, viene scritta con l’iniziale maiuscola. || Stato unitario: Stato in cui esiste un unico parlamento per tutto il territorio:  lo stato Italiano è uno stato unitario; || Stato federale: stato in cui ogni territorio ha un proprio governo pur dipendendo da un potere centrale per quel che riguarda la politica estera, la difesa e l’economia:  gli Stati Uniti sono uno stato federale. || La parola può indicare il territorio di uno Stato:  i confini dello stato; invadere, difendere uno stato. || Stato cuscinetto: è uno Stato posto tra due Stati più importanti ostili tra loro || Stato di polizia: regime repressivo, mantenuto ricorrendo in modo arbitrario alle forze dell’ordine. || Stato di diritto: Stato democratico || Colpo di Stato: rovesciamento con metodi illegali e violenti del governo di uno Stato. || Affare di Stato, che riguarda strettamente lo Stato. In senso figurato, fatto al quale si dà troppa importanza  smettila di preoccuparti per il compito di domani, non è un affare di stato! || scuole di Stato: scuole pubbliche || esame di Stato: controllato dallo Stato, con valore ufficiale, che si sostiene per conseguire un diploma di scuola media superiore o l’abilitazione all’esercizio di una professione || ragion di Stato: Comportamento politico che mette gli interessi dello Stato al di sopra di tutto, a partire dagli interessi dei singoli cittadini || uomo di Stato: uomo politico che si impegna al più alto livello nel governo di stato. [2] Condizione in cui si trova una sostanza:  stato gassoso, liquido, solido. [3] Lo stare, lo stare fermo (in contrapposizione a moto, movimento), nelle espressioni del linguaggio grammaticale: complemento di stato in luogo || Verbi di stato (o di quiete): quelli che indicano il permanere del soggetto in un dato luogo o in una data posizione o condizione (essere, stare, rimanere, ecc.) [4] Modo di essere riferito sia ad una persona sia all’aspetto o al grado di conservazione di un oggetto:  il libro è in buono stato; l’uomo era in stato di ubriachezza; il mio stato di salute è migliorato; non ci si presenta a tavola in questo stato! || Essere in stato interessante: essere incinta:  Lucia è in stato interessante. [5] Condizione spirituale, psichica, morale:  stato di depressione, stato di colpa. || Stato d’animo: condizione dello spirito:  il mio stato non mi permette di sorridere. || stato di grazia: condizione di particolare efficienza fisica e mentale:  sono riuscito a superare l’esame perché ero in stato di grazia. [6] Modo di vivere, di persone o animali:  vivere allo stato selvaggio; cavalli che vivono allo stato brado. || Situazione di una persona, in riferimento agli aspetti sociali ed economici del suo modo di vivere:  migliorare il proprio stato; stato d’indigenza (essere molto poveri). [7] Situazione di un individuo, in riferimento alle norme giuridiche e amministrative che regolano la vita sociale:  qual è il tuo stato civile? sono celibe (sempre riferito ad un maschio non sposato), nubile (sempre riferito ad una femmina non sposata).