Il dizionario -
degli studenti

accordo [ac-còr-do], nome masch. (plur. accordi) [etimologia: da accordare, derivante a sua volta dal latino chorda «corda degli strumenti musicali» o da cor, cordis «cuore», in quanto sede del sentimento]. [1] L’avere in comune sentimenti e idee: abbiamo un buon accordo nella vita di tutti i giorni. || D’accordo: espressione che indica approvazione. Andare d’amore e d’accordo: essere in perfetta sintonia con qualcuno. Di comune accordo: decidere di fare qualcosa insieme con un’altra persona condividendo idee e obiettivi. [2] In riferimento ai colori, accostamento intonato di colori, che produce un bell’effetto:  fra questi due colori c’è un bell’accordo. [3] Nella lingua del diritto in particolare, intesa tra due parti per raggiungere un obiettivo comune o per compiere insieme un’impresa:  il proprietario della fabbrica e gli operai hanno raggiunto un accordo sullo stipendio; il cliente e il venditore hanno raggiunto un accordo sul prezzo dell’automobile. [4] In musica, emissione simultanea, cioè nello stesso momento, di più suoni secondo i principi dell’armonia (la teoria che studia la combinazione dei suoni):  do-mi-sol formano un accordo. [5] In grammatica, concordanza, per esempio tra soggetto e predicato o tra nome e aggettivo:  nella frase “I ragazzi studiano” c’è accordo fra soggetto e predicato; nella frase “Un bei ragazzo” non c’è accordo fra nome e aggettivo.